lunedì, luglio 25, 2011

Amy Troppo



Una milionaria che si butta via, una del "Club 27", una stronza etc etc etc.

Non so.
Ma a me dispiace troppo che una delle mie artiste preferite non canti più.

40 commenti:

  1. Boh. Mi dispiace, perchè avrebbe potuto fare grandi cose, ma credo fosse solo questione di tempo...
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  2. Avrei voluto che cantasse ancora, e ancora, e ancora...

    RispondiElimina
  3. va bè adesso ci ascolteremo l'album di inediti, l'ultima canzone mai completata, quella accennata al piano, poi il live, l'album di duetti, l'album di duetti postumi e un bell'album di duetti con Jim Morrison e Janis Joplin, con chitarra di Hendrix e Kurt Cobain e cori di Lennon.
    Il tutto su base un po' dance.

    RispondiElimina
  4. Ogni volta che muore una persona giovane, provo tristezza. Che poi cantasse, scrivesse o facesse la parrucchiera, per me, non cambia nulla.

    AndBot

    RispondiElimina
  5. A me piaceva e,questione di tempo o no,mi e' dispiaciuto tanto.
    Due dischi speciali e un classico "Back To Black" che sento e risento.
    RIP,cara Ami.

    Cristiano

    RispondiElimina
  6. mi spiace molto, era una voce "nera" meravigliosa, tuttavia non sono sorpreso negli ultimi due anni ha vissuto sul filo di lana e forse oltre, ma forse già su Rehab Amy ci aveva detto tutto quel che voleva dirci
    Charlie

    RispondiElimina
  7. Ora mi attirerò l' ira dei presenti (e ci sta) ma, onestamente, non mi strappavo i capelli per la sua voce. Bella, non è questo il punto, ma non ho mai provato molto interesse per chi (di pelle bianca) cerca di 'copiare' la voce black.

    Per questo la mia cantante preferita è Grace Slick: glissando vocali memorabili, voce unica e inimitabile, personale, non ha mai rincorso il mito della 'voce nera' e, per me, resta la più grande. Poi ci sono Nico, Mimi Goese ed Elizabeth Fraser. E Meredith Monk (ma è 'altro')

    Bene, adesso sparatemi addosso...

    AndBot

    RispondiElimina
  8. Il bazooka è già carico, così per non sbagliare.

    Sono d'accordo che le voci "bianche" che corrono dietro alle "nere" non ci arrivano mai (un po 'come nei 100 metri).
    I casi sono rari ed unici.
    Ma lei aveva, secondo me, quel qualcosa che faceva ricordare tutto il "black" possibile, mantenendo un'identità bianca.
    Non ci provava a copiare, si ispirava, prendeva spunto, seguiva tutta la blackness ma rimaneva personalissima.
    La sua forza era questa.

    RispondiElimina
  9. PS: è uscito il video (mediocre) del nuovo singolo di NOEL GALLAGHER , "The death of you and me".
    Brano di gran classe e stile, ma niente di eclatante, anche se mi piace.

    RispondiElimina
  10. Per i soul lovers il nuovo SMOOVE+TURREL "Eccentric audio" è un discreto mix di soul, trip hop, funk, pop. Molto dance oriented ma ascoltabile.

    RispondiElimina
  11. Rispondo casulamente:

    Dopo qualche ascolto, ho rivalutato l' album di Anna Calvi: sound scarno ma efficace nel creare atmosfere languide e vagamente 'darkettose' (un disco da catalogo 4AD, per capirci).

    Però non trovo molti punti di contatto con la voce di Nico (come parecchi scrivono), tranne che per un timbro comune sulle note più basse (al quale, Anna, ricorre raramente)

    Nico ti creava ansia e inquietudine, con quella voce glaciale, algida ed unica. Era molto più indicata per la musica d' avanguardia (cameristica o classica contemporanea) che non per il rock, mentre Anna cerca un pathos più immediato, è avvolgente e rassicurante (un po' paracula, ma il giusto), c'è quel calore rock, la melodia un po' classicheggiante ma che vira sempre sul pop...

    Tuttavia mi piacerebbe vederla all' opera sulle note di Cale...

    AndBot

    RispondiElimina
  12. E, per non perdere il vizio del 'c'entra 'na mazza o quasi', rilancio con tre 'recuperi' (in anticipo sull' apposita rubrica). Due fondamentali, uno molto piacevole:

    Phish: "A Picture Of Nectare" (1992) Famosissimi negli States, qui da noi, non so perchè, non li conosce quasi nessuno. Ad ogni modo, propongono una miscela di rock, jazz e classica in chiave prog e orchestrale...ma riescono a non prendersi sul serio! Un po' eredi di Zappa, un po' fricchettoni, in questo album riducono al minimo i virtuosismi, passando con eleganza dal bluegrass al jazzfunk, dal vaudeville al roots-rock della Band, passando per il ragtime e contrappunti pianistici, boogie incalzanti e latin rock jazz...insomma, CAPOLAVORO ASSOLUTO!


    Mars Volta: "Frances The Mute" (2005) Clamorosamente e colpevolmente snobbato, all' epoca, dal sottoscritto, si rivela in realtà uno dei dischi neo-prog più belli e coraggiosi degli ultimi anni (e non solo). Una certa vicinanza ai Phish ci può anche stare, per la mole di generi, per la tecnica e l' eleganza. E per il gusto originale con cui viene presentato il tutto. Prog moderno virato hard-rock, psichedelia, un caleidoscopio di suoni pazzesco. Mea culpa, mea maxima culpa...

    Adrian Belew: "Inner Revolution" (1992) Lui è un chitarrista che ha suonato con Zappa, Byrne, Bowie ed i King Crimson. Parallelamente si è dedicato ad una carriera solista, nella quale da sfogo al suo amore per il pop perfetto. Come in questo caso: classe.

    RispondiElimina
  13. Beh, premessa: siamo distanti anni luce da Billie Holliday, epoche e vissuti diversi, stature artistiche non comparabili, ma qualcosa nella storia e nella fine di Amy mi ha ricordato la storia e la fine di Billie...

    Fabio T.

    RispondiElimina
  14. RIP Amy.
    ieri sera ne stavo parlando con il cugino pirla, di questa particolarità che mi ha colpito leggendo i vari commenti postmortem: nonostante sia diventata presto una artista "mainstream", una popstar nel vero senso della parola, nonostante abbia avuto comportamenti sballati con pubblico e colleghi, è un caso quasi unico che sia rimasta "affine", mantenendo l'apprezzamento ed il rispetto, di quel mondo "underground, alternativo, subculture" chiamatelo come volete, del quale molti di noi siamo parte. ad esempio nella "cultura mod" sono molti (come ben sapete :o) ad avere la puzza sotto il naso non appena un artista diventa famoso. nel caso di Amy questo non è successo.

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace davvero tanto, povera Amy.
    Me la riguardo sgambettare sul palco in mezzo agli Stones, 4 anni fa. Cantano 'Ain't too proud too beg'...
    Voglio ricordarla così.

    RispondiElimina
  16. Legittimo il discorso di AndBot e la replica di Tony,che condivido.
    A me il punto che copiasse o che fosse esageratamente "descritta" come voce black non interessa 8come mio solito).
    Mi piacciono quei due dischi e cio' che ha fatto,sbornie comprese.
    Una di noi.
    C

    RispondiElimina
  17. Sono d'accordo con C, era assolutamente una di noi, assolutamente genuina. Non credo ci fosse nessun calcolo nella sua voce così 'nera', cantava come le piaceva, viveva come le piaceva, morta prima di diventare vecchia. Assolutamente Mod.

    Giampaolo

    RispondiElimina
  18. parentesi: qualcuno in Italia ha appena sentito la scossetta di terremoto?
    C

    RispondiElimina
  19. solo roba piemontese a quanto pare

    RispondiElimina
  20. Mah...

    Diciamo che aveva una bella, bellissima, voce; aveva grinta e aveva una gran band dietro di sé.

    Diciamo che, a differenza di molti altri artisti o anche solo esseri umani, lei POTEVA scegliere, forse di fare una vita diversa. Aveva le risorse e la libertà per fare ciò che voleva.

    Diciamo che adesso che è morta, scatta la macchinaria pseudoculturale postmoderna e la si compara a una Etta James (ci sarebbero volute attorno a 2000 Amy a fare una sola Etta James) e la si rende martire.

    Martire di ché?

    Riassumiamo:

    E' andata una bella voce, una artista valida con discreti pezzi (alcuni, veri e propi rip-offs di classici SOUl e R&B del passato). Un peccato. Ma non una martire, non qualcuno che -a mio avviso- sia necessario compatire più di tanto.


    AlbZZzz

    RispondiElimina
  21. Dici bene AlbZZzz, 'poteva scegliere'. Ad un certo punto però ha fatto la cazzata ed è entrata nella droga. Un terribile errore di valutazione, che tanti ragazzi hanno fatto, fanno e faranno.
    Lo stesso errore di valutazione di chi, per esempio, si fa bendare gli occhi e attraversa correndo un'autostrada a 8 corsie di notte: mette la propria vita in mano a fattori incalcolabili, può andarti bene (e arrivare dall'altra parte dell'autostrada) e può andarti male (il pusher decide di rinnovare il palco clienti e taglia un po' di veleno).
    A quel punto uno non decide più di sè, è in balia del fato. E in più non capisce cosa gli stia succedendo.
    Ho sentito alcuni dire che una "volta c'erano la guerra e le malattie a fare selezione naturale, oggi ci sono altre cose".
    Può anche essere vero ma, al di là di Amy, questo è un ragionamento un po' 'alla Giovanardi'.
    Ci sono quelli che ci cadono per solitudine, perchè hanno un fardello grosso così, chi per noia. Alcuni hanno detto "è morta, ma nel frattempo si è divertita un bel po', ora cazzi suoi...".
    Io provo invece molto rispetto e compassione per una ragazza di 27 anni che cantava e ad un certo punto della sua vita ha perso il controllo e non ce l'ha fatta più.

    RispondiElimina
  22. Mi manchera' molto come mi piaceva molto.
    Una delle poche in grado di passare dal Soul al Jazz e dal Pop al Rock.
    Basta ricordare i piu' svariati artisti con cui ha cantato.
    E non son poi tante le 'belle voci' che lo sanno fare.
    Riguardo al suo 'essere una di noi' o della sua 'purezza' sono totalemnte d'accordo: basta ricordare l'EP Ska che ha inciso e la sua apparizione coi i Selecter.

    Si, mi manca gia' molto.

    RispondiElimina
  23. Pibio sei stato definitivo. Bravo.

    RispondiElimina
  24. Specials nn selecter.


    The Exciters - Reaching for the best.

    RispondiElimina
  25. Che non ce la "facesse più" sembra acclarato da una volontà praticamente suicida, stando alle ultime dichiarazioni.
    Una settimana di alcool a dosi elefantiache e gran finale con un mix di droghe da stendere un cavallo.
    E visto com'era conciata nell'ultimo concerto di Belgrado...

    RispondiElimina
  26. La perdita del proprio controllo non ha classe sociale, su questo non ci piove. Non so quanto si sia divertita Amy: devi stare male per ridurti così. Non possiamo parlare di suicidio, ma poco ci manca.
    Quando Cobain si sparò ci rimasi molto male: da un lato condannavo (e condanno) il gesto, perchè se hai una figlia piccola e sei padre NON devi farlo. Dall' altra capivo che doveva essere arrivato al limite, anzi, l' aveva superato. Umanamente posso capirlo ma non lo giustifico.

    La storia di Amy sembra diversa, ma chi può dirlo?
    Mi spiace per la persona, al di là del talento sprecato.

    AndBot

    RispondiElimina
  27. Beh, direi che ha trovato quel cercava. Tutto sommato una deficente, il talemto non ha nessuna parte nella vicenda.

    A.G.

    RispondiElimina
  28. Il talento ce l'aveva,Galletti.
    E questo e'(era) parte della vicenda eccome.
    Se x te era deficiente per l'alcool gli stupefacienti e lifestyle capisco..e da un lato come darti torto.
    Ma di MUSICA si sta parlando.
    Piacciono i dischi? Si? No? Cosi-cosi?
    I gusti su alcool e droghe li lasciamo agli interessati se e come ce ne vogliono parlare..giusto?

    Cristiano

    ps:SEGNOROSSO (deficIente)
    ps2:ti scrivo x Beatles fest
    ps3:sei sempre un casula

    RispondiElimina
  29. Peraltro sia per gusti musical, per scazzo in generale e per attitudine (sfascio da droghe escluso) Amy era una Casula perfetta

    RispondiElimina
  30. strimpellava pure...
    http://www.youtube.com/watch?v=ACM2wK4cEao

    RispondiElimina
  31. Capt. Faceva ben più che "strimpellare" visto che i pezzi che cantava erano scritti tutti da lei

    RispondiElimina
  32. Concordo con Tony: Amy era una Casula perfetta.

    Curt Cobain non lo prendo nemmeno in considerazione.

    RispondiElimina
  33. Un complimento a Tony.
    Non potevi trovare titolo e foto più appropriate per Amy, bravo.

    Mario Biondi - A little piece of my life.

    RispondiElimina
  34. Curt Cobain, nemmeno io. Kurt Cobain lo considero già un po' di più...

    Non ho capito cosa vuoi dire, Davide, ad ogni modo.

    AndBot

    RispondiElimina
  35. Che non mi piaceva nè lui nè la sua musica.

    RispondiElimina
  36. anche a lui probabilmente non piacevi tu

    RispondiElimina
  37. Certo, i gusti sono tali. Io, paradossalmente, ho rivalutato i Nirvana con il tempo. All' epoca, nonostante avessi l' età 'giusta', non mi facevano impazzire, ascoltavo altre cose. Poi sono sempre stato fugaziano, quindi credevo (e credo) nel punk 'positivo'. Tuttavia, Kurt sapeva scrivere canzoni, credo sia innegabile. Se sia poco o tanto, onestamente, non saprei...

    Ad ogni modo, lo ripeto, il suo gesto lo condanno: aveva delle responsabilità, in quanto padre. Anche se, in ultima analisi, nessuno ha il diritto di giudicare gli altri, che è diverso dall' avere una propria opinione, of course.

    AndBot

    RispondiElimina
  38. ah, che sapesse scrivere canzoni è fuori dubbio!

    RispondiElimina
  39. Parlando di cose piu' serie:
    Qnando moriro' (il Capitano lo sa') non voglio ne' essere seppellito ne' cremato.
    Voglio essere Cromato!


    Los Retrovisores - Pijos del pop

    RispondiElimina
  40. Io invece voglio essere DISTILLATO.
    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails