mercoledì, settembre 24, 2008

Le migliori copertine








Pressochè impossibile stilare una classifica delle MIGLIORI COPERTINE.
Dal rock al punk, dal jazz al soul, dal blues al funk sono centinaia le meritevoli di entrare in un'ipotetica top ten

Ne ho scelte cinque:
King Crimson "In the court of the Crimson King"
Beatles "Abbey Road"
Stiff Little Fingers "Alternative Ulster"
Dinosaur Jr. "green mind"
Rolling Stones "December Children's"

Ho lasciato appena fuori gli Who "Quadrophenia", il primo dei Velvet Underground, "Ummagumma" e "Animals" dei Pink Floyd, "Elephant" dei White Stripes, il "Metal Box" dei P.I.L. , qualche decina di album soul e altrettanti blues.

Nota di merito a "Morrison hotel" dei Doors, "Who's next" degli Who e "Abbey Road" dei Beatles ovvero come fare copertine storiche con zero spesa.

78 commenti:

  1. quella di "children" degli stones è davvero un bellissimo scatto.
    anche quella dei dinosaur...

    pibio

    RispondiElimina
  2. Il primo dei Jam ha una copertina fantastica !

    RispondiElimina
  3. Io preferisco quella di "This is modern world"

    Bruttine "All mod cons" , "Setting songs", "Snap" , orrende "The gift" e "Dig new breed" , bella "Sound affects" (a parte i colori smorti) , "In the city" bellina ma un po' anonima.

    Diciamo che i Jam con le copertine non ci hanno mai beccato tanto

    RispondiElimina
  4. No. Io non ce la faccio. E' troppo difficile.
    Sottoscrivo tutti i titoli fatti da Tony e da tutti gli altri...
    Ne avrei mille altri ma... come si fa?
    Io non ci riesco

    RispondiElimina
  5. sarò banale, ma la prima che mi viene in mente è The Freewheelin' Bob Dylan

    RispondiElimina
  6. Bravo !
    Anche Freewheelin" è fantastica ! e pure "61 higway revisited"
    Dylan ha avuto ottime copertne (e ORRENDE come "Shot of love" tra le più brutte nella storia del rock)

    RispondiElimina
  7. forse altra banalità, ma "london calling" coglie perfettamente l'attimo (sotto vari punti di vista). Splendida.

    RispondiElimina
  8. delle tue cinque ne ho tre e te ne appoggio solo una tra quelle considerate belle (non ti dico quale.... :)*

    tra le mie preferite resta 'remember' dei doll by doll, ma ne potrei mettere un centinaio solo della blue note, classe estrema e semplicità.

    ciao flavio

    RispondiElimina
  9. neanche un italiano????

    Joe

    RispondiElimina
  10. E' un campo vasto e affascinante quello delle copertine dei dischi,che mi coinvolge
    personalmente perchè faccio il grafico e da lì ho tratto moltissimi spunti:sopratutto
    dalla stagione psichedelica dei tardi'60,di cui mi è veramente difficile stilare una
    classifica di preferenza.
    Io per deformazione professionale preferisco i soggetti pittorici e i disegni alle
    foto,per cui sintetizzando molto citerei:
    "Little games"-YARDBIRDS
    "Disraeli gears"-CREAM
    "Axis bold as love"-HENDRIX
    "Cheap trills"-JANIS JOPLIN
    "Crown of creation"-JEFFERSON AIRPLANE
    "Psychedelic sounds of"-the 13th FLOOR ELEVATORS
    "Forever changes"-LOVE
    "Happy trails"-QUICKSILVER M.S.
    "Underground"-ELECTRIC PRUNES
    "More"-PINK FLOYD
    "5th dimension"-BYRDS
    "Ars longa vita brevis"-NICE
    "Sea shanties"-HIGH TIDE
    "Electric music for mind and body"-COUNTRY JOE & THE FISH
    così di getto,ma ce ne sarebbero molti altri che ora mi sfuggono,ma è ovvio che certe
    opere d'arte vanno valutate sul formato LP in vinile,nel CD perdono moltissimo ed inoltre
    molti dischi nelle varie ristampe sono stati cambiati graficamente,purtroppo sempre in
    peggio...ma anche solo dalla prima edizione alle seguenti:ad esempio il "banana" dei VELVET
    UNDERGROUND nell'origine si pelava,nel senso che sotto la buccia gialla si poteva ritagliare
    ed estrarre la polpa(in cartone ovviamente!)oppure(sempre di Warhol)lo"Sticky fingers" degli
    STONES aveva la cerniera sul pantalone in jeans(scandaloso per l'epoca!)inoltre alcune
    copertine furono censurate,come "Yesterday and today" dei BEATLES:versione americana di
    "Rubber soul" ritirata subito dal commercio perchè mostrava i fab4 con indosso bambole
    mutilate e sanguinanti in stile macelleria(uno dei dischi più ricercati e quotati al mondo!)
    Negli anni 70 le copertine diventarono veri e propri oggetti d'arte,spesso firmate da studi
    grafici prestigiosi e da pittori importanti...l'etichetta VERTIGO,un caso su tutti,pur
    non stampando sempre degli albums imperdibili(alcuni sono troppo prog di quello palloso,
    almeno per me...altri sono splendidi!)mostravano sempre delle grafiche fantastiche...
    fu quello poi il periodo in cui si trasformava persino la forma degli LP:venivano sagomati,
    colorati i vinili,si aprivano in vari modi e con molteplici facciate...poi il punk del 77
    sintetizzo di nuovo tutto e in un certo senso recuperò l'essenzialità degli anni 50:
    grafica scarna,molto rozza,persino un po' volgare...ma un'immagine apparentemente semplice
    come quella di "Never mind" dei SEX PISTOLS o dei primi albums dei RAMONES era di un gusto
    davvero speciale,colpiva proprio per la sua crudezza,come un pugno in un occhio.
    Sull'Italia poi ci sarebbe un discorso a parte:
    Molte copertine del beat anni 60(sopratutto dei 45 giri,così sottovalutati!)erano
    magnifiche,non a caso anche all'estero le nostre edizioni sono molto più apprezzate di
    quelle inglesi,persino,dato che in UK i singoli quasi sempre non avevano foto o disegni,ma
    solo il logo dell'etichetta sulla busta,solo i francesi competevano con noi,in questo senso.
    Le prime formazioni italiane a colorare di acido il cartone furono senz'altro le ORME con
    "Ad gloriam"(collage molto psycho-underground)e LE STELLE DI MARIO SCHIFANO,con l'ausilio
    del famoso pittore(l'Andy Warhol di casa nostra,in pratica)...negli anni 70 anche lì
    c'erano esempi grandiosi come gli albums degli AREA,graficamente davvero originali,di
    una ricercatezza che non era mai scontata,mai retorica...così come i primi di BATTIATO
    ("Fetus"-"Pollution"-"Sulle corde di Aries"),che aveva nella stessa scuderia gli
    OSAGE TRIBE,con l'album"Arrow head" costruito come una sorta di flipper a tema western e
    i CAPSICUM RED (Red Canziani prima dei POOH!) che riprendevano il fumetto di Tarzan...
    ma sono solo i primi che mi tornano in mente.
    Degli anni 80 non voglio parlare,perchè lì scatta IL CONFLITTO DI INTERESSE,aspetto che
    torni Cristiano da Londra,magari.

    RispondiElimina
  11. Ragazzi, e' dura scegliere...ma come dimenticare il primo dei Velvet, "The Psychedelic Sound of 13th Floor Elevators", "Free Your Mind And Your Ass Will Follow" dei Funkadelic, "Aoxomoxoa" dei Dead, ma anche "Drums & Wires" degli XTC, "Our Favourite Shop" degli Style Council, "Bringing It All Back Home" di Dylan e pure "Nevermind" dei Nirvana, "Revolver" dei Beatles (scusate, ma so' fissato con 'sto disco), "Fear Of Music" dei Talking Heads,"Sticky Fingers" degli Stones,"For Your Pleasure" dei Roxy Music, "Paul's Boutique" dei Beastie Boys, "Talking with the Taxman About Poetry" di Billy Bragg e poi tante altre. Secondo me però, la copertina che incarna meglio lo "spirito rock" (oddio l'ho detto) è "Anywhere" della Flower Travellin' Band.
    Chi non l'avesse mai vista la trova riprodotta su "Japrocksampler", l'ultimo libro scritto da Julian Cope: 5 capelloni giapponesi che, nudi come mamma li ha fatti, cavalcano le loro moto dirigendosi anywhere...
    Mario

    RispondiElimina
  12. Ursus mi hai fregato...
    Concordo con quasi tutte le tue scelte !
    Mario

    RispondiElimina
  13. scusate ne approfitto per una info:

    tony, sabato ci sarà fay hallam trinity a piacenza. sai dove suona? vorrei venire a vederli ma non riesco a capire in quale locale. ci vediamo lì? f

    RispondiElimina
  14. Fay Hallam a Piacenza ?????
    E dove ??

    Non ne so nulla !
    Può essere solo al madly o al For Sale
    Mi informo...sono già giù per uno spettacolo teatrale della moglie mia...

    RispondiElimina
  15. falso allarme.
    non c'è Fay Hallam a piacenza.
    So di Torino e Cesena, ma niente Piacenza
    Sabato solo gruppi punk e o metal nei pochi locali

    RispondiElimina
  16. Upcoming Shows ( view all )
    26 Sep 2008 20:00
    Cesena
    27 Sep 2008 20:00
    Piacenza
    28 Sep 2008 20:00
    Torino
    30 Sep 2008 20:00
    Alessandria
    1 Oct 2008 20:00
    Soul Train
    2 Oct 2008 20:00
    Robassomero

    il suo myspace dà queste date. credo che anche alessandria martedi sia confermato perchè me ne parlava ieri sera henry, mi sembrava strano che non ci fosse il locale di piacenza. peccato...

    f

    RispondiElimina
  17. In ogni caso è meglio per lei e la sua band....ci saremmo stati in tre a vederla....

    RispondiElimina
  18. Tornando alle copertine più belle vorrei menzionare la ventesima raccolta di Fausto Papetti

    RispondiElimina
  19. io voto
    ELECTRIC LADYLAND di Hendrix e l'interno di JAZZ dei Queen..chissa perche eh?

    concordo su Papetti e aggiungo anche quelle di Santo e Johnny.

    Ursus sarei accusato di partigianeria se citassi quelle tue dei noStrange, lascio che lo faccia JOE.

    Cristiano

    RispondiElimina
  20. Anche Johnny Sax negli anni 70 faceva delle copertine molto piccanti
    no problem:le copertine di Ursus le voto io in toto,compresa ORACOLO e il tributo agli Who,che forse Tony si ricorderà(spero)
    STUPENDA!
    ma stavo per pensare ad una classifica mia di copertine italiane,la mando poi........

    Joe

    RispondiElimina
  21. Il tributo agli Who di Ursus (il disegno originale) è IN QUADRO a casa mia sopra il camino....

    RispondiElimina
  22. Riguardo 'This is the modern world' ho sempre pensato alla madre di Paul che a tarda notte applica quei due orribili freccioni al maglione del figlio in modo che il giorno dopo possa essere sfoggiato per le foto di rito. Si forse dei Jam è la copertina migliore ma io preferisco Papetti.
    Un voto serio lo do a 'Abbey Road', doveva chiamarsi 'Everest' poi optarono per un posto molto più vicino e si limitarono ad attraversare la strada. Geniale come tutto quello che facevano quei quattro.
    Paolo

    RispondiElimina
  23. Infatti "Everest" (che prendeva il nome da una marca di sigarette che George aveva portato dall'India) prevedeva che i quattro raggiungessero in elicotterp l'Everest (non so se addirittura la cima, ma non credo) e si facessero fotografare là.

    Quel pomeriggio Ringo Starr disse qualcosa del tipo "Chi cazzo ne ha voglia di andare fino a là a prendere freddo? Usciamo e la foto la facciamo lì in strada"

    E così fecero una delle copertine più famose della storia

    RispondiElimina
  24. Grazie a Joe,ovviamente,ed anche a Tony che conserva ancora la mia "Who are them?"(io ne ho solo una riproduzione,mentre altre le ho in originale)che recava anche la scritta fatta da Lilith(è bene dirlo).
    Per Cris:la copertina di "Electric ladyland" ha le donne nude solo nella versione USA,in quella europea ci sono loro tre(foto splendida tra l'altro)al contrario"Are you experienced" è molto meglio nell'edizione americana,dove la foto è molto più psichedelica e colorata.
    Dei Queen non mi è mai piaciuto nulla,neppure le copertine che mi sembrano piuttosto banali...ma ovviamente nelle preferenze si tiene anche conto del contenuto musicale,altrimenti si dovrebbe riconoscere che ci sono molte copertine metal davvero ben fatte,ma io il metal proprio lo detesto e quindi sorvolo...la classifica delle italiane,invece,sarà senza dubbio interessante perchè con Joe abbiamo sempre molti gusti in comune.

    RispondiElimina
  25. Tra gli italiani quelle degli AREA erano sempre molto azzeccate (la danza al Parco Lambro di "Areazione" o l'uovo rotto di "Crac") e anche le prima di FINARDI le trovo molto riuscite.
    Classica "La valle dei templi" del PERIGEO pur se banale mi è sempre piaciuta tantissimo.
    Invece, a parte "Creuza de ma" poco da ricordare di DE ANDRE'

    Negli 80, NO STRANGE e "Oracolo" , oltre alla già citata "Who are them?", quelle dei BOOHOOS molto riuscite e quelle dei CCCP perfette per l'immagine, la musica e il "messaggio".

    Poco sigmificative quelle dei NOT MOVING (con l'eccezione forse di "Black & wild" che ai tempi venne criticatissima perchè defin ita "Metal"....un locale di Rimini non espose i manifesti perchè non "voleva che incominciassero a venire i metallari nel locale"....gli anni 80 erano anche questi)

    RispondiElimina
  26. Beh di DE ANDRE' "Non al denaro nè all'amore..." non mi sembra male,anche i PERIGEO avevano ottime copertine,splendida anche "Abbiamo tutti un blues da piangere"...ma attendo l'elenco di Joe e non voglio sbilanciarmi troppo...

    RispondiElimina
  27. ursus tu che sei sensibil guarda la foto dentro jazz..dai
    C

    RispondiElimina
  28. vabbè lo ammetto cristiano...."jazz" me lo regalarono a natale quell'anno là (insieme, se non ricordo male) a 'out of the blue' della elo.

    album abbastanza orribile (anche la copertina esterna, tanto per restare in tema) ma il poster all'interno era stupendo.

    ho di recente visto una pubblicità dell'epoca (per il singolo fat bottomed girls) che era un pezzettino di quel poster, ed ed avevano disegnato le mutandine a qualche ciclista! ....shame!

    f

    RispondiElimina
  29. E' stata dura,ma ho diviso la top ten in tre decadi diverse

    ITALIANS DOES IT BETTER!

    Anni 60:
    I KINGS .lp
    RAGAZZI DEL SOLE-atto di forza n.10(singolo)
    NOMADI-per quando noi non ci saremo
    ORME-Ad gloriam
    EQUIPE 84-29 settembre(singolo)
    CORVI-un ragazzo di strada
    ROKES-vol.2
    PRIMITIVES-blow up!
    STELLE DI MARIO SCHIFANO-dedicato a....
    POOH-Per quelli come noi

    anni 70 PROG:

    FORMULA 3-Dies irae
    GARYBALDI-Nuda
    OPUS AVANTRA - Donella Del Monaco
    OSANNA-Palepoli
    ORME-Uomo di pezza
    AREA - Crac!
    PERIGEO-Abbiamo tutti un blues da piangere
    AKTUALA-La terra
    BATTIATO-fetus
    PFM-Storia di un minuto

    anni 80 e 90

    NO STRANGE-1°
    VVAA-ORACOLO
    VVAA-Who are them?
    NOT MOVING-black'n'wild
    LILITH-Hello!I love me
    STATUTO-vacanze
    STEEPLEJACK-Serena maboose
    NEGAZIONE-lo spirito continua
    EAZYCON-In the tradition
    KRYPTASTHESIE doppio lp

    Joe

    RispondiElimina
  30. hahaha!! grande F e il tuo outing!!
    Gli han disegnato le mutande?!?!?
    SHAME SHAME SHAME!!!

    Complimenti JOE x "Italiani Brava Gente", grande lista..
    Secondo me "29 Settembre" e' la copertina italiana piu' bella!!!

    non per piaggeria blogghistica ricordo la bella foto di Tony sul primo singolo dell TonyFaceBigRollBand, bello shot e bel bianco/nero..scatto probabilmente "berlinese" se non interpreto male le scritte sullo sfondo..la parola al
    "Mod-ello" Tony.

    Aparte le donne nude, scelta difficile, ma mi vengomo di botto:

    "RUBBER SOUL" dei beatles (anche se tempo fa si parlava col Pibio della foto di "FOR SALE").

    "THE KIDS ARE ALLRIGHT" album, stupenda!

    "DAMNED DAMNED DAMNED" mi ha sempre fatto impazzire

    C

    RispondiElimina
  31. Joe un lavoro eccelso.
    Anch'io metterei al primo posto '29 Settembre', casco e occhiale di Franco Ceccarelli insuperabili.

    Paolo

    RispondiElimina
  32. Ursus, chiedo, non si sa mai: non è che hai ancora qualche copia di Who Are Them? E... ehem... nel caso... che prezzo mi fai per una? :-)

    Ricordo che negli uffici della Face/Audiar, negli anni in cui incidevo per loro, c'era in cornice anche il 45giri degli Statuto che ne fu estratto. Ricordo che avrei tanto voluto chiedere a Tony se ne aveva ancora qualche copia ma... non lo feci.

    RispondiElimina
  33. e il vello del principe vandelli?
    e il cappello bianco di Victor?
    e la faccia deformata di alfio?
    Stupenda.

    RispondiElimina
  34. tony pubblichi la cover di WHO are THEM?
    thanx

    RispondiElimina
  35. Durante una passeggiata per Modena assieme a mio nonno mi imbattei in un extraterrestre. Nonostante siano passati almeno 39 anni fu tanto il mio scalpore che mi ricordo ancora perfettamente la sua figura e l'abbigliamento.
    Stivalone in pelle marrone sotto al ginocchio, completo in velluto liscio viola cardinale attillassimo, cappello marrone da cowboy. Altissimo, magrissimo, il nonno mi disse poi che si trattava di Maurizio Vandelli. Sempre in quel periodo e anche in seguito incontrai più volte anche Victor, una montagna, forse più standard nell'abbigliamento, non ricordo niente di particolare. Gli altri due non gi ho mai incontrati. Tutti e quattro non erano certo personaggi in sintonia con la 'piccola città..' cantata poi da Guccini.
    Paolo

    RispondiElimina
  36. Una scelta impeccabile,Joe...ci avrei giurato!
    Curioso che le uniche due covers di 45 giri siano l'Hell's angels ITALIANO immortalato dai RAGAZZI DEL SOLE(ne abbiamo già parlato su POPARTX)e l'ultrapsichedelica foto di "29 Settembre"...ebbene si,il fotografo era MARIO SCHIFANO,fu un servizio sull'Equipe 84 che venne pubblicato per intero sulla rivista GIOVANI con titolo PSICHEDELEQUIPE,un altro scatto finì sulla cover del successivo "Nel cuore,nell'anima"(altro pezzo di Battisti)...la distorsione delle immagini con effetti spesso grossolani(bicchieri,vetri colorati o gelatine)era un'usanza dell'epoca...la buonanima di Mario ne faceva largo uso(filmò anche Mick Jagger in un rarissimo video rimasto fino a poco tempo fa inedito)ma non pensiate che fosse un imitatore,giammai!
    Schifano era un pioniere della POP art esattamente come lo fu Warhol,solo che mentre Andy oggi viaggia su cifre di MILIONI di euro(magari per una serigrafia)Mario sta ancora sulle migliaia o giù di lì...domanda:Schifano è meno importante di Warhol?
    No,solo che Warhol era americano,tutto lì!
    W IL PRINCIPE Vandelli...così come SHEL SHAPIRO,che conobbi pochi anni fa già sessantenne ma tuttora beat nel cuore e nell'anima.
    E VIVA sempre Franchino,che vive ancora in ogni mio pensiero.

    RispondiElimina
  37. in effetti Rokes e Primitives erano gruppi di importazione,ma perfettamente integrati nel contesto beat nostrano,anche la copertina di "Che mondo strano" era geniale:con i 4 inglesi del Piper ritratti tra i quotidiani aperti o stracciati.
    La scelta più ardua però è sugli anni 70,lì ce n'erano veramente tante e in effetti avrei voluto inserire anche le grafiche dei TRIP,i primi tre del BANCO(io possiedo le confezioni originali,come il salvadanaio sagomato o "Sono nato libero" sfogliabile a mo di libro)oppure "Stanze di vita quotidiana" di GUCCINI e altri
    Per gli anni 80:non credo che le copertine dei NOT MOVING fossero poco significative,secondo me(parere personale intendiamoci)si è troppo insistito sul tema dei pellerossa,molto affascinante ma lontano dalla realtà italiana,malgrado il risultato fosse piacevole ed infatti ho incluso "Black'n'wild" perchè mi sembra la più interessante

    Joe

    RispondiElimina
  38. In effetti la scelta sugli anni 70 è veramente dura,sicuramente è stato il periodo in cui la grafica si è maggiormente sbizzarrita(mi vengono in mente anche i "cosmici" tedeschi che meriterebbero un'altro capitolo),non poteva mancare "Nuda" dei GARYBALDI,visto che il disegno è firmato da un artista di fama mondiale quale GUIDO CREPAX,già grafico fin dagli anni 50(ci sono parecchi dischi di jazz da lui firmati,persino qualcosa di Peppino Di Capri)e creatore di VALENTINA dal 1965...Crepax non è molto noto per il suo lato psichedelico,che però è evidente nei fumetti del'67/68:a tal proposito vi consiglio di cercare "L'astronave pirata",un racconto fantascientifico dai forti contenuti visionari...qui però entriamo nel mio campo(i fumetti)e non vorrei rischiare un'invasione.
    Per JOYELLO:
    L'unica copia di "Who are them?" che ho è la mia,idem per il singolo degli Statuto...se ne ha qualcuna Tony...

    RispondiElimina
  39. di Crepax come grafico sapevo qualcosa anch'io
    ursus,da esperto di disegno e fumetto vorrei chiederti se conosci anche l'autore di DIES IRAE de la formula tre,perchè non se ne sa nulla malgrado la copertina sia fantastica

    Joe

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. scusate, ho rimosso il commento sopra perchè me l'ha praticamente scritto al contrario!
    (eh, quando si parla dei beatles è il minimo che può succedere...)
    riscrivo:
    Cris ricordo quando abbiamo parlato della copertina di FOR SALE. per me è bellissima, la luce, i colori sgranati.
    A Liverpool ho preso una bella cartolina di quello scatto...

    pibio

    RispondiElimina
  42. Riguardo a "Dies irae":una delle più psichedeliche del 1970,non si sa chi fosse l'autore,ma dallo stile mi sembra(ma non posso verificarlo)si tratti di GRAZIA NIDASIO,una redattrice e disegnatrice al Corriere dei piccoli fin dagli anni 50,le forme ricordano molto le astronavi del Dottor Oss,personaggio uscito sul c.d.p. tra il'66 e il '71...però è solo una mia impressione.
    Tony,ho visto "Who are them?" su e-bay ad un prezzo mica male,oltre i 30 euri.
    Pibio ha ragione,"For sale" è splendida,anche le grafiche di"Revolver" e di "Sgt.Peppers" parlano da sole,ma la classe non è acqua,come si sa.
    Nel caso degli STONES,invece,ho sempre pensato che "Satanic majesties" si un po' una forzatura,nel senso che sembravano un po' adeguati al ciclo psichedelico,non come altri che lo sentivano direttamente...il risultato era eccellente(l'edizione originale ha il gruppo in tridimensionale!)ma mi ha sempre dato quella impressione.

    RispondiElimina
  43. a questo punto la cover di Who are them è assolutamente necessaria sul blog

    RispondiElimina
  44. http://i12.ebayimg.com/03/i/000/ca/6a/245a_1.JPG

    RispondiElimina
  45. http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&item=300186360629&indexURL=

    RispondiElimina
  46. In settimana se la trovo su interdet la metto sul blog

    tony

    RispondiElimina
  47. Anch'io Avrei una copertina:
    NOFX
    heavy petting zoo
    epitaph records
    1996

    RispondiElimina
  48. il singolo di you and i di graham coxon, per tirare in ballo una copertina pressochè sconosciuta.

    RispondiElimina
  49. Who are them:non cercarla Tony,te la mando io per posta!

    RispondiElimina
  50. ottima copertina ! complimenti Ursus.
    Da quel che ho letto suppongo che invece il disco sia introvabile..

    RispondiElimina
  51. Copertina stupenda. Complimenti URSUS.

    Paolo

    RispondiElimina
  52. Grazie mille!
    Il disco non so se sia ancora reperibile dal boss,lo dirà lui,penso...nel retro c'erano delle foto piccole dei vari gruppi,con relativa formazione,infatti ricordo che la nostra foto venne scattata all'ex giardino zoologico,durante una mostra...dietro noi compare la gigantografia di un neonato,che non ero io come qualcuno ha creduto.

    RispondiElimina
  53. molto bella la rievocazione vandelliana di paolo. sembrava avercelo davanti.
    W Il Principe,
    Abbasso il Re.

    C

    RispondiElimina
  54. spettacolo la copertina, complimenti ursus!
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  55. Lo zoo di Torino lo hanno chiuso da tempo,per fortuna perchè ritengo che sia una vergogna tenere in gabbia animali che dovrebbero vivere liberi.
    Attualmente c'è un parco per i bambini,molto meglio!

    RispondiElimina
  56. concordo sul giudizio riguardo agli zoo,molto meglio i parchi naturali
    per fortuna è comparsa la famosa copertina,non poteva mancare
    che vi dicevo?

    Joe

    RispondiElimina
  57. a proposito di zoo..avete visto che botta han dato a noel gallager?
    C

    RispondiElimina
  58. ..gallagher, of course

    RispondiElimina
  59. sticazzi... costola rotta e altri problemi, date cancellate e casini vari... però pare che liam abbia bastonato il tipo nel backstage...
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  60. Who are them è ancora reperibile presso moi.
    Ne stampai un migliaio di copie e poi una ristampa di altre 400 e un po' ne ho ancora.

    Non è un capolavoro (copertina a aprte) ma ci sono ottime cose dentro

    Tony

    RispondiElimina
  61. cover preferite: beh oltre a quelle citate da voi:
    la cover del primo dei clash...dice tutto! L urgenza etc.
    la cover di Three imaginary boys dei cure (lampada-fridge-hoover)
    quella di go2 degli XTC fatta da hipgnosis.
    Who - my generation (ed. usa con la foto del big ben)
    Hendrix as bold is love, rende proprio l idea! Una musica colorata e viva!
    lambrettas - beat boys 80's di bbrutto!!!
    tutte le copertine dei Joy Division fatte da Grafica industria.
    la cover di Strike...demo dei THE COYS con un disegno di Roberto "bob mod" Ferrari...storica!
    tra le piu brutte...quella del 45 Io dio degli Statuto...sembra il packaging del vim clorex!!!
    peace and love
    valerio drynamil

    p.s. andate a fare un salto qui per vedere un po di copertine preferite da me e' il mio myspace:

    http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendid=93584770

    RispondiElimina
  62. URSUS non sapevo che lo scatto di ’29 Settembre’ fosse opera di Mario Schifano. Grazie per l’informazione.
    Certo, le sue quotazioni non sono all'altezza del suo spessore artistico e storico rispetto ad altri artisti Warhol compreso, forse col tempo anche il mercato gli darà ragione.
    Che il motivo di questo gap sia la nazionalità dell’artista? Io direi che Roma era centro artistico mondiale qualche secolo fa, ora per raggiungere determinati obiettivi è consigliato espatriare, purtroppo questo vale non solo in campo artistico.
    Paolo

    RispondiElimina
  63. Si,infatti è proprio quanto volevo dire...ormai gli unici aspetti della creatività nazionale conosciuti all'estero sono la moda e la cucina,anche lì non sappiamo fino a quando...nella pittura siamo sempre in seconda o terza battuta,nella musica(a parte i soliti Pausini e Ramazzotti di turno)peggio ancora...nel mio campo(che è il fumetto e l'animazione)mi rendo benissimo conto che se operassi in USA o in Giappone magari potrei anche arricchirmi,ma cause esterne mi trattengono e quindi tiriamo a campare...è difficile operare in un luogo dove conta molto più partecipare a un reality o ad un talk-show piuttosto che avere talento.
    In quanto al mercato dell'arte è un settore molto particolare,che vive tutte le contraddizioni che già esistono nel mondo capitalista...non sempre la valutazione di un'opera corrisponde all'importanza reale,ma è un argomento molto complesso.

    RispondiElimina
  64. E' impossibile stilare una classifica delle migliori copertine.
    Ce ne sono troppe e...troppo belle!
    Sia scatti fotografici (da "Raw Power" a "London Calling" passando per "Out of our heads/December children" e "Ramones"), sia veri e propri artwork soprattutto dei favolosi 60's, massimo periodo di creatività in tutti i campi!

    Forse sarebbe più facile fare una classifica delle copertine più BRUTTE, no?

    Roberto

    RispondiElimina
  65. Le copertine brutte sono una specialità di popartx,in cui si è arrivati fino al punto di pubblicare quelle di Ted Nugent:
    una vera offesa al buon gusto,cagata allo stato puro...per non parlare dei mitici Predator!

    Joe

    RispondiElimina
  66. haha!! quella dei predator e' mitica!!
    poi ci sono vari singer come tale Cari tapio..
    C

    RispondiElimina
  67. Così, giusto per aumentare il numero di commenti già alto di questo post:
    Tony, io una copia di "Who Are Them" la vorrei.
    Magari assieme al 45giri di TonyFace Big Roll (quello nuovo con Hey Bulldog)...
    Come posso ordinarli?

    RispondiElimina
  68. niente PREDATOR Joyello?

    RispondiElimina
  69. Ted Nugent è tarro da far paura,solo Ozzy Osbourne riesce a fargli concorrenza.

    RispondiElimina
  70. E' vero
    ogni volta che vedo diary of a madman ho i crampi allo stomaco

    Joe

    RispondiElimina
  71. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails