venerdì, marzo 30, 2007

Marzo 2007. Il meglio.


Il ( MIO) meglio di marzo 2007

Ascoltato (il meglio)
Sister Vanilla “Little pop rock”
(Capolavoro dei fratelli Reid (Jesus and Mary chain) tra Velvet Underground e il migliore pop rock)
Grinderman “Grinderman”
(Il graffio punk blues del grande Nick Cave. Eccellente)
Horrors “Strange house”
(Garage tronico tra Fuzztones e Sigue Sigue Sputnik. Eccitante anche se nulla di nuovo)

ascoltato anche
Peluqueria Hernandez (piccolo capolavoro tra Tarantino, Calexico, Fausto Papetti e Tom Waits), Atlantic Unherted Soul Brothers (ottima compilation soul con alcuni inediti), Joss Stone (ascoltabile, grande voce, qualche ottima soul song), Nina Simone (Nina rimirata, alcune grandi cose, altre inascoltabili) , Kings of Leon (buono a tratti), Pikes in Panic (grande ristampa per una delle meglio garage bands italiane di sempre), Dirty Actions Tribute (eccellente album di una delle prime punk bands italiane) Arcade Fire (non mi entusiasma), LCD Soundsystem (non è roba mia ma è fatto molto bene), The Rakes (noiosi), The Ponys (alcune cose carine), Maximo Park (non particolarmente riuscito), Kelly Jones (soporifero), Kech (buono), May I refuse (Coldplay italici), Dente (acustico e storto, carino), Misero Spettacolo (cantautorale, ben fatto), Paolo Zanardi (cantautorale sul rock, ben fatto), Zita Ensemble (prog in stile King Crimson periodo “Red”, ottimo), Tetes de Bois (molto bello), Marta Collica (struggente e bluesy, buono), CocoRosie (inascoltabile).

Tutte le recensioni su www.radiocoop.it


Visto
“Il giardino delle vergini suicide”
di Sofia Coppola (capolavoro !!)
“Million dollar baby” di C.Eastwood (non male, troppo americano)
“E quando arrivano le ragazze ?” di Pupi Avati (melenso ma godibile)
“Una notte al museo” (esilarante, super !)
“Eragon” (neanche troppo male)
“Troy” (americanata)

Letto
Lewis Lapham “I Beatles in India” (molto carino, da leggere)
Jack London “Preparare un fuoco” (eccellente !)
Tracy Chevalier “L’innocenza” (molto bello)


Belle cose
Le partite del RadioCoop UCP Basket Piacenza (siamo nei playoff !!!)
Il libro “Uscito vivo dagli anni 80” ufficialmente disponibile a fine aprile per NdaPress (stiamo curando bozze e copertina).

Cose
My Space a go go
www.myspace.com/tonyfacedrummer (il mio)
www.myspace.com/thesinnersaint ( quello di Lilith)
www.myspace.com/sgtpepperstributeitaly (tributo a Sgt. Peppers)

Suoni
*“I need somebody” + 4 inediti live è il primo singolo di Lilith and the Sinnersaints su Alpha South (
www.alphasouth.it)
* Su
www.lilithandthesinnersaints.com e www.theblackladyalbum.blogspot.com tutte le info e le numerose recensioni (tutte buone, thanx) e interviste .
* Lilith and the Sinnersaints live al “ThunderRoad” di Codevilla (PV) (andata maluccio) prossimamente il , 21 aprile a Fucecchio “Limonaia”

“KEEP THE FAITH” alla grande con i contributi di Chris Philpott (Small World), Tony Perfect (Long Tall Shorty / Angelic Upstarts , Allan Crockford (JTQ/Prisoners/Solarflares/Stabilisers), Yo Kalb (Soulsnatchers) ,Adrian Holder (Moment) già arrivati, con quelli di BArt Mendoza (Manual Scan), Bob Manton (Purple Hearts) in viaggio e gli altri in lavorazione

Calcio
Grande il Piacenza ai vertici della B abbastanza vicina ai play off , mediocre il Cagliari (a quesato punto speriamo in una salvezza tranquilla), bene l’Italia con una piccola Scozia (pessimi i giornalisti che per una settimana hanno rotto le palle che se non si vinceva eravamo fuori dall’Europeo. Ma dove ?).
Grande l’Irlanda del Nord e provo un grande gusto per l’odiosissima Inghilterra in difficoltà con Macedonia, Israele e Andorra.


In cantiere
Il rifacimento di “Sgt Peppers” (
www.sgtpepperstribute.splinder.com) che si chiude a fine aprile , “Keep the faith”, Lilith and the Sinnersaints in studi oper il nuovo album, una serata DJ soul a Piacenza, raggiungere Punta Helbronner (m 3.462) sul Monte Bianco, un po’ di marce non competitive , a Cassano e Centenaro per Pasqua, (forse) in una squadra di calcio ai prossimi Mondiali Anti Razzisti.


27 commenti:

  1. Ma come mi stuzzichi coi Sister Vanilla.... ; )
    Ormai attendo questo resoconto mensile!
    Ciao!
    mauro (popinga.splinder)

    RispondiElimina
  2. Ma guarda chi si rivede!
    Bart mendoza dei Manual Scan!!
    Una delle prime recensioni ed interviste su una fanza cui collaboravo all'epoca, solo che allora c'era carta penna e francobolli x gli USA..

    I J&the Mary Chain non mi sono mai piaciuti.

    Sto mese nessuna sconfitta della Juve..

    Complimenti x la squadra di basket!

    Cristiano

    RispondiElimina
  3. just back from lisbon... come va con voi? i miei sono stati 5 giorni molto intensi, fuori tutto il giorno e uscite a tarda serata, tra bairro alto e docas. e poi l'hard rock cafè, che ancora un po' mi masturbavo su una chitarra rotta di townshend e su una chitarra di noel gallagher... e un casino e mezzo di foto degli who, dei beatles, di bowie... figo figo.
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  4. Una chitarra rotta di Townshend ce l'abbiamo anche a Torino,in un negozio di cui non dico il nome,tra l'altro a quel concerto(1968)c'era anche mio fratello e li conobbe di persona (Townshend e K.Moon)io ai tempi leggevo Batman,ma al di là della radio non ricordo altro di rilevante:"Bandiera gialla","Per voi giovani" con Renzo Arbore...beh,ce n'era comunque da sentire...ed il mangiadischi,la fonovaligia ecc...ormai oggetti da antiquariato URSUS

    RispondiElimina
  5. Ora capisco dove ha imparato a suonare Tony D'Urso,che è un chitarrista fenomenale
    Joe

    RispondiElimina
  6. Vista la quantità che ne ha rotto.. direi che una chitarra rotta di Townshend ce l'ha mezza umanità...:)

    J.

    RispondiElimina
  7. vabbè, ma per uno che ha 18 anni, che nel 68 i propri genitori ne avevano 10, che ascolta gli Who da diversi anni ormai, ecc, la cosa insomma mi ha fatto un certo effetto...
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  8. Minkia,allora io potrei essere tuo padre!Queste sono le classiche frasi che improvvisamente mi fanno sentire vecchio...URSUS

    RispondiElimina
  9. io non ci vedo niente di male... magari avere un padre con una cultura musicale tale, invece di uno a cui piacciono U2, Queen e simili, e che appena può va a farsi un giro sul suo Ducati Monster... per carità. è sempre mio padre, però...
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  10. Va là Marco che i nostri padri andavano a Claudio Villa e Nilla Pizzi.
    Meglio uno con U2 e Queen ...anche se pensandoci bene mi fann otalmente schifo U2 e Queen che quasi quasi meglio Claudio Villa (che era anche un compagno...)

    RispondiElimina
  11. Si,difatti nei sixties c'è stata una frattura tale tra le generazioni che,forse,se non ci fossero stati Villa,Tajoli ecc. non ci sarebbe stato neppure il movimento beat (un pò per reazione),mio padre amava le canzoni napoletane però ricordo che anche i Beatles li apprezzava,tutto sommato...col tempo anche noi arriviamo ad apprezzare alcune cose della tradizione melodica,a me piace Modugno per esempio e lo ascolto volentieri,Queen e U2 invece non li reggo,anche se Bono è un filantropo (un pò furbo secondo me) URSUS

    RispondiElimina
  12. A e allora e' andata piu' di culo.
    Alla mia nascita ho trovato alcuni 45 di Elvis, molti 45 di Beat italiano (Equipe Giganti Ribelli Crazy Boys), le due raccolte dei beatles e singoli, alcuni 45 dei BBoys etc..
    in mezzo c'erano anche Nunzio gallo, Tajoli,Modugno, Sergio bruni etc etc.
    Interrogato a dovere mio padre mi ha sempre detto che "glieli avevano regalati.." (mah??!!)..
    URSUS: la matematica non e' un opinione..anch'io vorrei essere tuo figlio (uh uh)

    Cristiano

    RispondiElimina
  13. yeah anche mio padre era un fan della NILLA e m'ha passato alcuni dischi suoi ed altri too in napoletano tipo una certa LIDIA LIDI o qualcosa del genere ed anche svariati di RAY CONIFF, più un 45 giri di un certo ROSSANO & others, anche un ep 4 tracks del great RENATO CAROSONE band,...peccato solo non avesse nulla della DIVINA WANDA OSIRIS (che mi faceva spanzar dal ridere quando la vedevo tutta addobbata in vecchi films )....bella la new del libro di TONY, io lo prenoto,...URSUS: appena ho un minuto scrivo l'articolo "Fiori Risplendenti",

    RispondiElimina
  14. Rossano mi dice qualcosa

    RispondiElimina
  15. Pure Cristiano vorrebbe essere mio figlio?Scusa,ma non mi pare che sei molto più giovane di me...o mi sbaglio?Da piccolo anch'io avevo un sacco di 45 giri,li compravano mia madre e mio fratello...il primo che ascoltai sulla fonovaligia fu "Please please me",ma poco dopo fui folgorato da "Mr.tambourine man"...mentre gli LPs li chiamavamo "padelloni" ed era dispendioso procurarseli perchè costavano più di 2000 lire (quando lo stipendio di mio padre era sulle 60/70 mila circa!)il mio primo acquisto personale fu "More" dei Pink floyd,che per uno di 10 anni non era male,no?!Si dice che il vinile stia per tornare in auge...avete sentito che molti CDs delle vecchie tirature SI STANNO CANCELLANDO?Minkia,sarebbe un bel colpo per l'industria,ma ci godrei tantissimo!FORZA VINILE!(anche se purtroppo ho dovuto abbandonare il giradischi,perchè non trovavo più puntine e altri pezzi...) URSUS

    RispondiElimina
  16. Haha URSUS..hai ragione, saresti stato MOLTO precoce (magari pero' la storia che sei un "grande amatore"e' vera e magari hai iniziato l'"attivita" in Prima o Seconda elementare! who knows..).

    Anche noi si usava la fonovaligia (che dovrebbe esistere ancora) ed il mangiadischi (modello "giovane", quello con la puntina sotto,per cui dovevi mettere il disco al contrario)

    Il mio impianto e' un po che aspetta di essere riattivato..
    A logica capisco il discorso sui cd, con l'avvento di mp3 etc etc etc

    Time will tell

    Cristiano

    RispondiElimina
  17. io sono un felice possessore di un iPod da 8 GB, che per fortuna posso sempre godermi da solo, essendo pieno quasi solo di northern soul, ska e weller... per adesso. tuttavia, il mio primo acquisto in vinile è stato "Setting Sons" dei Jam ad una fiera del disco... WE LOVE VYNIL
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  18. Alle elementari ero sì un grande amatore,ma di fumetti e soldatini...Tony,per i Templari che mi dici?C'è tuttora spazio?Scanna è reperibile? URSUS

    RispondiElimina
  19. ...hehe, come si diceva tempo fa qui, guardate cosa ho letto dal blog di Beppe Grillo,messaggio di un certo Ezio:
    "GIURO E’ UNA STORIA VERA
    Un mio amico d’infanzia quando era giovane, “anni 80” per protestare contro la società in cui viveva faceva il punk, mi ricordo che lo predavamo tutti per il culo perchè girava con la cresta nei capelli tutta colorata…poi un giorno “nello stupore di tutti” ha conosciuto il “mercato” ed ha cominciato a fare il venditore porte a porta “imbrogliando un sacco di gente” facendo soldi a palate, successivamente si è laureato al cepu…. oggi è direttore di banca….Meditate cari ragazzuoli…."

    Michel

    RispondiElimina
  20. lO SCRIVO QUI POI SE E' IL CASO ANCHE DOPO..
    a chi interessa e' uscito un libro / dvd della SHake sulla scena del Virus di Milano, un libro sull'hardcore USA ed un altro su quella italiana..
    Li consiglio.
    Sono ben fatti.
    C

    RispondiElimina
  21. Grazie dei vostri consigli,ragazzi...ho contattato Haters e Misty lane (questi ultimi mi pubblicheranno un'intervista sul magazine) e mi sembrano interessati sia al materiale TEMPLARI che ad inediti No strange...vedremo!Many thanks,URSUS!

    RispondiElimina
  22. Ma dei Templari intendi la ristampa del vinile che già era uscito (che conservo gelosamente insieme ad "Oracolo" ed altre delizie del periodo) o qualcosa di nuovo ed inedito ?

    Misty Lane è quello più adatto.

    Di Scanna non ho più news ma su myspace c'è lo spazio del suo gruppo Pamela Tiffins (lui e la sua tipa credo).
    Lo puoi contattare attraverso li'

    RispondiElimina
  23. Allora:I TEMPLARI furono stampati dalla destination x circa 15 anni fa,con materiale già inedito per i tempi,ma proprio di recente mio fratello(voce e chitarra tra il 1967 e il 1971)ha ritrovato il vecchio batterista,per cui sono risaltati fuori altri nastri che non sono quelli!Da qui l'idea di farne qualcos'altro...il fatto è che dubito nel"buon cuore" del batterista,loro all'epoca erano abituati ad essere pagati ed oggi invece tutto viaggia per beneficenza (più o meno),per cui aspettiamo che qualcuno faccia una proposta accettabile,non proprio minima,insomma...URSUS

    RispondiElimina
  24. ---per cui aspettiamo che qualcuno faccia una proposta accettabile,non proprio minima,insomma---

    da come vanno le cose temo che aspetterete ancora a lungo, nel senso che al giorno d'oggi va ancora bene se ti stampano i CD senza chiederti nulla e poi magari ti mandano due euri se ne vendi almeno un bel po'...

    RispondiElimina
  25. E purtroppo credo che non se ne farà nulla,perchè è il solito problema legato agli ex professionisti del rock o del beat che dir si voglia...a conti fatti io non posso certo dargli torto:ho cercato anche in passato di ottenere collaborazione dai vari Ragazzi del sole,Teste dure ecc...ma questi erano legati ad un ambiente che ti permetteva di vivere di musica,tutt'altra cosa rispetto al dopo...conosco un ex tecnico luci del Piper che ha una registrazione LIVE fantastica de Le stelle di Mario Schifano,ma fa questo ragionamento:"Se c'è gente disposta a pagare cifre a tre zeri(in euro!!)per l'album originale,la mia bobina quanto può valere?"Non fa una grinza,lo devo ammettere...ed è per questo che molte cose rimangono ancora sugli scaffali a prendere polvere...per i No strange,invece se ne può parlare:non ho mai pensato di guadagnare con quello,altrimenti suonavo il liscio come fanno quasi tutti gli ex rockettari. URSUS

    RispondiElimina
  26. Cosa suonavi di liscio? la fisa?
    Uvo

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails